Home » La minestrina più buona che ci sia

La minestrina più buona che ci sia

Stanche del solito brodino? Caramellosalato.it vi farà ricredere, con una ricetta antica ma rivista in chiave originale e succulenta.

tratto da www.caramellosalato.it

Ciao mamme!

Oggi, in questa fredda e piovosa giornata di inverno, sulla tavola di caramellosalto.it una ricettina semplice e dal sapore antico, un piatto che mi riporta indietro nel tempo e che mi fa sentire al sicuro… un rimedio della mia nonna per confortarmi quando da piccola beccavo raffreddore e influenza…

Sciocchezze direte voi… e invece no!

La minestrina della salute era davvero efficace! Vittima dell’effetto placebo o miracolata dall’amore? Non so spiegarmelo… ma dopo questo piatto caldo con pastina e polpettine mi sentivo veramente meglio!
In effetti, è risaputo l’effetto benefico dei brodini in genere, vegetali e non, che grazie al vapore e al calore che sprigionano alleviano le infiammazioni delle vie respiratorie, ristorano e rigenerano… ma addirittura, a conferma di questa “credenza” popolare è arrivato uno studio dell’Università del Nebraska che ha stilato “la ricetta per la salute”, il brodo di pollo. Una vera e propria medicina, con effetti antinfiammatori e decongestionanti se fatta a regola d’arte, con verdure antiossidanti, ad alto contenuto di fibre e vitamina C e con le giuste spezie!
Insomma, vi basterà mettere in pentola ali di pollo, tre cipolle grandi, una patata dolce, tre pastinache, due rape, una dozzina di carote, cinque gambi di sedano, prezzemolo, sale e pepe e il gioco è fatto! Un mix di ingredienti ricchi di sostanze nutritive in grado di rafforzare il sistema immunitario e di alleviare i sintomi del raffreddore!

Nella mia ricetta, il tradizionale brodo ha lasciato il posto a delle graziose e invitanti polpettine di pollo…

Un po’ un restyle, una versione light e facile da fare… e se poi volete che sia veramente perfetta… basta farla diventare un piatto unico tuffando in cottura i deliziosi Quadretti all’uovo di Luciana Mosconi!
Vi ricordate i primi quaderni di scuola dove ci misuravamo con i primi compiti di matematica ? Bene. Ora immaginate che tutti quei quadretti, come per magia, si stacchino dal foglio e si trasformino in prelibate specialità culinarie…

Può interessarti:  Io mamma e medico, cerco di capire come organizzare la famiglia nei prossimi mesi

Noi oggi a tavola eravamo in 3:

250g di quadretti all’uovo Luciana Mosconi
Per il brodo vegetale
1 zucchina verde
1 carota
1 pomodoro
1 costa di sedano
4 bacche di ginepro
3 chiodi di garofano
3 grani di pepe di Giava
1 foglia di alloro
1,5l di acqua fredda
sale
Per le polpettine di pollo
250g di petto di pollo macinato
1 uovo
2 fette di pancarrè (ammollato in due cucchiai di latte)
50g di grana grattugiato
sale, pepe nero e noce moscata qb

Preparazione

Preparate il brodo vegetale: lavate le verdure, tagliatele a pezzi grossi, tranne il pomodoro che lascerete intero, trasferite tutto in una casseruola insieme alle spezie e coprite con l’acqua fredda; mettete sul fuoco e portate a bollore, quindi abbassate la fiamma e fate sobbollire coperto per circa 1 ora. Filtrate e salate. Tenete da parte la carota, la zucchina e il pomodoro e schiacciatele con la forchetta.
Nel frattempo preparate le polpettine: mettete in una piccola bowl il petto di pollo macinato, l’uovo, il pane ammollato e strizzato, il grana grattugiato, il sale, il pepe nero, un’abbondante spolverata di noce moscata e mescolate con un cucchiaio per amalgamare bene (l’impasto dovrà risultare piuttosto morbido); trasferite la ciotola in frigo per circa 15 minuti.
Prendete il composto dal frigo, bagnatevi le mani di volta in volta e formate delle piccole polpettine (potete usare come misura un cucchiaino da caffè), adagiatele su un piatto unto con un filo d’olio e rimettetele in frigo fino al momento dell’utilizzo.
Versate il brodo filtrato in una pentola e portate a bollore, tuffatevi delicatamente le polpettine e dopo circa dieci minuti unite i quadretti all’uovo e cuocete ancora 3/4 minuti.
Servite subito ben caldo aggiungendo un cucchiaio di purea di verdure e una leggera spolverata di noce moscata.

Può interessarti:  Bimbi nati in astinenza da droga e psicofarmaci, l'allarme del primario Vitaliti

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 78 − = 76