Home » Conte: nuove aperture in Italia e regione per regione

Conte: nuove aperture in Italia e regione per regione

Pronto un nuovo decreto e l’allargamento delle maglie regione per regione in base alla differenziazione epidemiologica

Riaperture anticipate regione e per regione e nuove riaperture su tutto il territorio nazionale, così come prevede un decreto del Ministro dello Sviluppo economico, Patuanelli. Saracinesche aperte nei negozi di biciclette, di barche e di toelettatura di animali, attività quest’ultima già consentita in Sicilia. Il decreto – che non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale – modifica il Dpcm del 26 aprile. L’atto inserisce le 3 attività fra quelle che riaprono.

In una intervista al Fatto Quotidiano, il premier Conte ha anche precisato: “Riaperture anticipate nelle Regioni? Siccome ora ci sono soglie definite di allarme, siamo in condizione di studiare un’eventuale anticipazione delle aperture per ulteriori attività con differenziazioni geografiche. In presenza di un protocollo di sicurezza per spazi, ambienti e attività, si potrà decidere di anticipare le aperture di centri estetici, parrucchieri, ma anche teatri”. Conte apre anche alle elezioni regionali a luglio-agosto: “Se il Parlamento dovesse valutare la possibilità, io non mi opporrei”.
Per le imprese il presidente del Consiglio non pensa “a un piano di nazionalizzazioni che richiama epoche passate, ma possiamo arricchire – spiega – il ventaglio dei sostegni alle imprese, in alcuni casi anche attraverso capitale, finanziando direttamente l’impresa per facilitare investimenti produttivi e consentire il consolidamento dell’organismo societario”.

Piano sicurezza per i bambini

 “Insieme ai ministri stiamo lavorando con il Comitato tecnico scientifico su protocolli di sicurezza per i bambini, accorti e rigorosi, e anche con Anci per avere un ventaglio di proposte che tengano conto delle peculiarità territoriali e delle esigenze della famiglie”, ha detto, a quanto si apprende, il premier Giuseppe Conte nell’incontro con i sindacati parlando dei centri estivi e delle scuole.

Può interessarti:  L’infettivologo Cascio spiega come e perché donare plasma iper immune

Tra le misure annunciate dal premier ci sono anche le procedure semplificate per favorire le ristrutturazioni degli edifici scolastici. “Questo è il momento per farlo, per avere aule ristrutturate e più sicure per i nostri ragazzi”, ha sottolineato il presidente del Consiglio, a quanto si apprende da partecipanti alla riunione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 23 − 22 =