Home » Vera Morreale trionfa al Fight eat club

Vera Morreale trionfa al Fight eat club

La food blogger sbaraglia la sfidante con una speciale zuppetta estiva

La redazione di A tutta Mamma si complimenta di cuore con Vera Morreale, foodblogger dello staff ed anima e ideatrice del noto blog di cucina www.caramellosalato.it.

Vera, lo scorso sabato, a Palermo, dopo aver superato una difficile competizione online, dove ha fatto incetta di voti con una videoricetta di uno sfizioso gateaux di patate, rivisitato con estro, è arrivata alla finalissima al Fight eat club.

Una sfida diretta e avvincente in una cucina professionale, dove Vera è riuscita a far esprimere il meglio ai fornelli, proponendo una zuppa estiva con tagliatelle e ortiche. Conosciamo meglio i dettagli della sfida, dal racconto di Vera.

Sfida a suon di videoricette

Per la serie le sfide non finiscono mai… anche questa volta con un cappello da chef stretto in testa mi sono ritrovata dietro i fornelli di una cucina, preparando live una deliziosa ricettina.
L’occasione mi è stata data dalla partecipazione al primo Talent Culinario del WEB per cuochi amatoriali, un contest pensato per gli AMANTI DEL CIBO e della cucina organizzato dal Fight Eat Club una geniale piattaforma ideata da Viviana Prester, in cui “i talentuosi dei fornelli hanno la possibilità di liberare e mostrare la propria creatività mettendosi a confronto con altri chef dilettanti!”.
Partecipare è stato semplice, è bastato registrarsi sul sito http://www.fighteatclub.com, seguire tutti gli step del divertente provino per diventare un FighterChef, realizzare una video ricetta, nel mio caso il Gateau di patate alla greca (qui la ricetta (http://www.caramellosalato.it/gateau-di-patate-alla-greca/)postarla sul profilo ed entrare in gioco lanciando la sfida! La condivisione della video ricetta sui social e i tantissimi like e voti ricevuti (20.000 grazie!) mi hanno permesso di scalare la classifica e aggiudicarmi il primo posto per la finale.

Gara culinaria e padelle a tutta forza

“A suon di padelle” io e Ivana, l’altra finalista, ci siamo “sfidate” preparando due ricettine niente male, attingendo a tre ingredienti obbligatori offerti dagli sponsor della gara: tagliatelle alle ortiche, mozzarella di bufala e pomodori secchi.
Ogni piatto ha raccontato un po’ di noi… Ivana con le sue Tagliatelle terramare con crema di bufala al basilico, gamberoni, pomodorini secchi e crema di cantalupo… e io con la mia Zuppetta di tagliatelle alle ortiche con vongole, latte di mozzarella di bufala e gocce di pomodoro secco.

Può interessarti:  Come tornare a scuola in sicurezza, i consigli del professore Iacono

Tre giudici “culinari” d’eccezione

Alla presenza di tre giudici d’eccezione, l’appassionato critico enogastronomico Maurizio Artusi, l’Executive Chef Gioacchino Gaglio del Gagini Restaurant di Palermo e la gentile padrona di casa Stefania Cannella titolare del centro studi la Piramide e della scuola di cucina BeChef, sede della nostra sfida, e con addosso tanta emozione, ho cucinato la mia zuppetta (qui la ricetta( http://www.caramellosalato.it/zuppetta-di-tagliatelle-alle-ortiche-con-vongole-latte-di-mozzarella-e-gocce-di-pomodoro-secco/)
Un piatto non nasce per caso, ma nasce da un’idea che ti frulla nella testa, da un’emozione che hai dentro, nel cuore, che rievoca un sapore e un ricordo e che vorresti rendere e condividere agli altri così, per come la senti… ed è proprio ciò che ho fatto… ho impiattato davanti ai loro occhi la mia idea… una zuppetta con una tagliatella spezzata che voleva somigliare a una minestra d’estate!
Questa l’ispirazione della mia originale ricettina… la voglia di proporre un piatto che fosse delicato al palato ed elegante alla vista, dove la mozzarella di bufala in due texture differenti doveva dare equilibrio e arrotondare il gusto salato delle vongole (le mie preferite) e per finire goccioline di pomodoro secco per spingere con un pizzico di acidità e una romantica fogliolina di basilico fritto!

Vera Fighter chef

Ce l’ho! Mi pare che possa presentarmi bene di fronte ai giudici di gara… chissà se piacerà!
E poi la grande emozione nel sentire che la mia idea era arrivata anche a loro, che il profumo e il sapore della mia zuppetta raccontava di me… e che, alla fine, era riuscita a farmi aggiudicare il cappello e il mestolo di FighterChef!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 82 + = 85