Home » Una bontà di primavera: uova strapazzate e asparagi

Una bontà di primavera: uova strapazzate e asparagi

La foodblogger Vera Morreale, anima del blog www.caramellosalato.it, ci propone una ricettina adatta alle gite e ai pic nic di primavera

Fra le mille ricettine veloci da preparare, buone e belle da vedere, queste uova sono le mie preferite.
Strapazzate, cremose e perfette se accompagnate da un mazzetto di asparagi croccanti al limone e timo.
Se avete poco tempo, preparatele per un pranzetto ricco di sapore e che da grande soddisfazione, in particolare adesso in primavera, quando gli asparagi sono al top!
Con un po’ di audacia potrebbe essere anche una super colazione…gustosa, easy e tanto cool!
Ma quanto può essere semplice una ricetta?

INGREDIENTI per le uova strapazzate e asparagi
  • 4 uova
  • un mazzetto di asparagi
  • una noce di burro
  • un limone
  • sale e pepe nero qb
  • foglioline di timo
  • 2 cucchiai di stracciatella di bufala

ISTRUZIONI

  1. Mondate gli asparagi con un pelaverdure e tagliate la parte legnosa del gambo, lessateli in acqua salata per circa 5 minuti, poi scolateli e ripassateli in padella con una noce di burro e succo di limone. Regolate di sale e pepe, fateli rosticciare ancora qualche minuto, aggiungete qualche fogliolina di timo e spegnete. Tenete da parte.
  2. Rompete le uova in una bowl, salate, pepate e mescolatele appena, giusto per amalgamare albumi e tuorli. Versatele in una padella calda con una noce di burro, abbassate la fiamma al minimo e muovete continuamente la padella per non farle attaccare al fondo. Appena iniziano a rapprendersi, ci vorranno un paio di minuti, spegnete la fiamma e continuate a mescolare con una spatola per poche secondi. Termineranno la cottura con il calore residuo della padella… fate attenzione perché non dovranno essere né troppo baveuse né asciutte, ma piuttosto morbide.
  3. Impiattate le uova ancora calde assieme agli asparagi al limone, a fiocchetti di stracciatella e foglioline di timo.
Può interessarti:  Coronavirus Sicilia, situazione seria. L’infettivologo Cascio: chi viene da zone endemiche sia prudente

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 68 − = 65