Home » Il reparto dove sono nati 70.000 bimbi compie trent’anni (video e interviste all’interno)

Il reparto dove sono nati 70.000 bimbi compie trent’anni (video e interviste all’interno)

Al Buccheri la Ferla di Palermo si celebra un importante compleanno. Per l'occasione, il primario Maria Rosa D'Anna ha organizzato un congresso nazionale

Articolo del maggio 2018

Il reparto di Ginecologia e Ostetricia del Buccheri la Ferla di Palermo oggi ha compiuto trent’anni.

Per celebrare l’importante compleanno

un congresso, iniziato oggi e che si concluderà domani, che ha visto arrivare nel capoluogo palermitano i grandi nomi della ginecologia, ostetricia e neonatologia.

Al timone dell’iniziativa il primario del reparto, la dottoressa Maria Rosa D’Anna

La conosciamo da un decennio è possiamo definirla, di merito, una lady di ferro della ginecologia a livello nazionale. Donna forte, dai modi decisi, ma al contempo tenera con le sue pazienti. Segue decine e decine di future mamme, ma è anche uno dei principali chirurghi oncologi della penisola. Con il nutrito team, che coordina, ha ottenuto importanti riconoscimenti e collaborazioni, non da ultima quella con il Cnr. Il reparto è stato antesignano in merito alle nuove tecniche anestesiologiche, che consentono il cosiddetto “parto dolce”. Coordina progetti di accompagnamento alla nascita, con corsi sull’allattamento esclusivo al seno e corsi pre parto. Al Buccheri in questi trent’anni sono nati oltre 70.000 bambini con una notevole incidenza di parti gemellari. A tal proposito, è attivo un ambulatorio per gravidanze a rischio e gemellari (anche le rare e delicate gravidanze gemellari monocoriali – che si verificano quando i feti sono nutriti da una sola placenta). Rinomata anche l’Unità di terapia intensiva neonatale, pronta a fronteggiare le criticità di bimbi nati con notevoli prematurità o patologie. Un’altra tematica che sta a cuore allo staff è la riabilitazione del pavimento pelvico nel post partum. Argomento in programma nei corsi pre parto e di cui si è relazionato nel corso del congresso.

Tra gli argomenti al centro della due giorni:

l’incidenza dell’ambiente sul nascituro, la prevenzione della Sids (la temutissima morte in culla), le apnee ostruttive nelle donne gravide ed ancora le infezioni in gravidanza. Domani saranno scandagliati alcuni casi clinici, relativi a ipertensione in gravidanza, prevenzione dei rischi di morte prenatale. Ci siamo fatti raccontare i dettagli di questi due intensi giorni di studio direttamente dal primario, dottoressa Maria Rosa D’Anna, che ci ha invitati a partecipare al congresso.

Può interessarti:  Perché coprire il passeggino con il lenzuolo è pericoloso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 9 + 1 =