Home » I panini del venerdì santo

I panini del venerdì santo

Una ricetta dei paesi britannici ricca di profumi e leggende

“Hot cross buns, hot cross buns, one a penny, two a penny, hot cross buns!”…tanto tempo fa questi deliziosi paninetti dolci erano venduti da venditori ambulanti mentre per le strade, con al collo il loro banchetto di legno, canticchiavano questa canzoncina…

Per tradizione, nei paesi britannici, gli hot cross buns vengono mangiati per il Good Friday, il Venerdì Santo e segnano la fine della quaresima, mentre la croce bianca sulla crosta rappresenta la crocifissione di Gesù e le spezie all’interno invece simboleggiano le spezie usate per la sua sepoltura.

Oggi, i buns, sono disponibili tutto l’anno e si possono acquistare anche al supermercato! Una vera bontà a cui un very british non può rinunciare!

Molte superstizioni circondano questi paninetti caldi… una dice che i panini cotti e serviti il ​​venerdì santo non si rovinerebbero e non si ammuffirebbero durante l’anno successivo… un’altra incoraggia a dare un pezzo di panino a qualcuno malato per aiutarlo a riprendersi… addirittura si crede che se presi durante un viaggio in mare, i panini proteggano dal naufragio… se sono appesi in cucina, si dice che proteggano dagli incendi…

Gli hot cross buns, con la loro combinazione di sapori speziati, dolci e fruttati e con il simbolo della croce di pasta sulla crosticina dorata, sono stati a lungo una tradizione pasquale!

In realtà sono veramente facili da fare e così soffici e profumati sono ideali da preparare per una merenda o per colazione… e perché no anche per un brunch o per un buffet speciale! Io li preparo come da tradizione per il Venerdì Santo perché mi piace l’idea di considerarli un cibo legato ad una credenza religiosa!

Può interessarti:  La storia del campanile che sopravvive sul lago ghiacciato

Per 24/28 buns

150g di uvetta
succo di 1 arancia
250ml di latte
220ml di acqua
25g di lievito di birra fresco
900g di farina 00
115g di zucchero
2 cucchiai di spezie miste (cannella, cardamomo, zenzero, chiodi di garofano…)
1 presa di sale
90g di burro fuso e intiepidito
1 uovo a temperatura ambiente

Per la pastella delle croci

4 cucchiai di farina
1 cucchiaio di zucchero
50/60 ml di acqua

Per glassare

2 cucchiai di miele liquido
1 cucchiaio di acqua

Per prima cosa ammollate l’uvetta nel succo d’arancia e lasciatela gonfiare bene fino al momento di utilizzarla, poi fate fondere il burro e lasciatelo intiepidire.

Versate il latte e l’acqua in un pentolino e scaldateli a fuoco basso fino a raggiungere i 30°, una temperatura tiepida, per cui se provate ad immergere un dito non dovrà scottare (oppure se preferite scaldateli al microonde per pochi secondi).

Trasferite la miscela di latte scaldata in una piccola bowl e scioglietevi il lievito, lasciate riposare 5 minuti.

Setacciate la farina nella bowl del KitchenAid, unite lo zucchero, le spezie miste (cannella, cardamomo, zenzero, chiodi di garofano, vaniglia, noce moscata), un pizzico di sale e con il gancio impastatore iniziate a mescolare. Quindi iniziate a versare, un po’ per volta, la miscela di latte e lievito, il burro fuso e l’uovo leggermente sbattuto. Impastate per 5 minuti fino ad ottenere un impasto omogeneo anche se piuttosto appiccicoso. Aggiungete, a questo punto, l’uvetta scolata e strizzata e continuate a impastare ancora per un paio di minuti fino ad amalgamare bene tutto.

Trasferite l’impasto in una ciotola leggermente spolverata  di farina, coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare al riparo, in un luogo tiepido, per almeno 45 minuti/1 ora, fino al raddoppio.

Può interessarti:  Il busto del Generale e quella foto fatta per caso

Nel frattempo rivestite una teglia rettangolare con carta forno e appena l’impasto sarà lievitato, sgonfiatelo sul piano da lavoro leggermente infarinato, dividitelo a metà e, da ciascuna parte, ricavate 12/14 pezzi uguali di impasto; date una forma tondeggiante e sistemateli nella teglia allineati e piuttosto vicini tra loro, ma senza esagerare perché poi gonfieranno. Coprite di nuovo con pellicola e lasciate riposare circa 45 minuti, fino al raddoppio.

Preriscaldate il forno a 180° statico e preparate la pastella per le croci: mescolate in una ciotola media la farina, lo zucchero e l’acqua, fino ad ottenere una crema liscia e densa. Mettetela in una sac à poche con bocchetta di metallo liscia da 5 mm circa e formate una croce sopra ogni paninetto lievitato.

Infornate per circa 20 minuti o fino a doratura.

Sfornate e trasferite i buns su una gratella, spennellate subito con un po’ di miele scaldato e diluito con un filo d’acqua e lasciare intiepidire.
Servite subito accompagnandoli con un velo di burro!

Suggerimenti: potete sostituire l’uvetta con la frutta secca che preferite (albicocche secche, mirtilli, ciliegie…); se volete che i vostri buns si mantengano freschi più a lungo, immergete la frutta secca nel succo di arancia per un paio d’ore prima e conservateli coperti con pellicola alimentare; consumateli entro un paio di giorni e ricordate che sono ottimi a colazione con burro e marmellata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 75 + = 80