Home » Covid e bimbi, al Di Cristina di Palermo c’è stato un caso grave

Covid e bimbi, al Di Cristina di Palermo c’è stato un caso grave

La notizia arriva dal reparto di Malattie Infettive che cura i bimbi con malattia da Covid 19

Che il Covid non vada preso sotto gamba è ripetuto dagli esperti dall’inizio dell’emergenza. Che anche sul fronte pediatrico il virus possa dare manifestazioni importanti è un’occorrenza da non escludere. La conferma arriva dall’ospedale Di Cristina di Palermo, dove una ragazzina di 14 anni, positiva al Coronavirus, ha rischiato grosso.

Ricoverata al reparto di Malattie Infettive, diretto dal dottore Salvatore Giordano, la giovane paziente ha avuto una sintomatologia assai complessa e, come riferiscono i sanitari che l’hanno curata, riconducibile alla malattia da Covid 19.

Una patologia infiammatoria diffusa, che ha coinvolto i polmoni, l’apparato urinario e quello gastrico. La quattordicenne ha versato in condizioni serie ed è stata curata con terapie ad hoc per ciascun organo coinvolto. Proprio l’interessamento multi-organo ha fatto maggiormente temere i sanitari. La giovane oggi è fuori pericolo ed è in buona salute, come conferma il direttore del reparto, dottore Salvatore Giordano, che consiglia: “Atteniamoci scrupolosamente alle regole. Igiene delle mani, mascherina e distanziamento. É vero che la letteratura medica riporta pochissimi casi gravi di bimbi con malattia Covid 19. Ciò non vuol dire però che si debba abbassare la guardia, anzi. Evitiamo assembramenti anche tra i più piccoli. Non è facile, perché i bambini amano aggregarsi tra loro, ma il momento è delicato quindi no a riunioni o festicciole in case private. Comportiamoci responsabilmente e con buon senso e ne verremo fuori. Di fronte a qualsiasi sintomo sospetto niente panico e seguiamo in prima battuta le indicazioni del pediatra.”

All’ospedale Di Cristina di Palermo, centro Covid per la Sicilia occidentale, sono quattro attualmente i bimbi positivi ricoverati. Da inizio pandemia il numero totale è di 27. Tutti hanno reagito bene alle cure e sono guariti.

Può interessarti:  Giusi Sciarrotta: vivo in Australia, da vent'anni giro il mondo ed il bello è che non ho ancora smesso

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 7 + = 13