Home » Coronavirus, il primario neonatologo: mamme non abbiate timore di allattare

Coronavirus, il primario neonatologo: mamme non abbiate timore di allattare

In tempi di Coronavirus l’allattamento può sembrare un atto pericoloso per il proprio bambino, ecco le rassicurazioni dell’esperto

“Mamme non abbiate timore di allattare.”

È l’invito del dottore Marcello Vitaliti, primario del reparto di Neonaotologia e Utin dell’ospedale Arnas Civico di Palermo. Nell’allerta Coronavirus, le neo-mamme sono confuse, anche per via di tanti messaggi contrastanti e talvolta non attendibili.

“Sí può allattare o rischiamo di mettere a rischio la salute del nostro piccolo?” Questa una delle domande più frequenti delle puerpere.

”Gli studi, dice il primario Vitaliti, sono incoraggianti e dichiarano che il virus non si trova né nel liquido amniotico né nel latte materno, né nel sangue cordonale. Quindi non si corrono rischi di trasmissione materno-fetale della malattia, né tramite il nutrimento previo allattamento al seno. Anzi, vi sono stati casi, nella letteratura scientifica cinese, in cui nel latte materno sono stati trovati anticorpi anti SARS-Covid. Il contagio mamma/bimbo può verificarsi una volta che  il bimbo è venuto alla luce, ma non è il latte materno il vettore, anzi. È noto ed è scientificamente provato che il latte materno è un potente antivirale e antibiotico naturale, capace di schermare il piccolo. Quindi, a maggior ragione adesso, questa pratica va incoraggiata.”

In caso di mamma positiva al Coronavirus?

“In questo caso occorre fare delle precisazioni. Se la mamma è un caso sospetto o positiva (asintomatica o paucisintomatica), gli ospedali, compreso il Civico, hanno pensato a un percorso cautelativo con area di isolamento, dove mamma e bimbo possono stare nella stessa stanza e avere contatto skin to skin. Ovviamente andranno prese delle precauzioni. Se le condizioni cliniche materne lo consentono e la mamma lo desidera, l’allattamento potrà  essere avviato e/o mantenuto, direttamente al seno.

Può interessarti:  Uno dei più noti ristoranti di Palermo domani non riaprirà: “rischiamo di non mantenere i nostri standard”

Per ridurre il rischio di trasmissione al neonato, si raccomanda l’adozione delle procedure preventive come l’igiene delle mani e l’uso della mascherina durante la poppata, secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute. Nel caso in cui madre e bambino/a debbano essere temporaneamente separati, qualora la mamma presentasse sintomi significativi di Covid 19, si raccomanderà di aiutare la madre a mantenere la produzione di latte attraverso la spremitura manuale o meccanica. Anche la spremitura del latte, manuale o meccanica, dovrà essere effettuata seguendo le stesse indicazioni igieniche.”

Quanto è importante che mamma e bimbo siano vicini?

“È uno degli elementi fondamentali quando un bimbo vede la luce. Il contatto con la mamma, l’odore di questa, l’ascolto di un suono familiare, quale quello del battito cardiaco materno crea quell’imprinting unico e insostitubile, di cui necessitano sia la mamma che il neonato. Anche se il momento storico richiede prudenza, sto impegnandomi affinché, con tutte le precauzioni del caso, il rooming, lo skin to skin e allattamento al seno vadano incoraggiati, a vantaggio assoluto di mamma e bambino. Seguendo le norme igieniche e con l’aiuto dei sanitari, anche mamme positive al Coronavirus potranno sicuramente godere della magia di questo momento.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha + 37 = 47