Home » Coronavirus, 500 tamponi nella zona dei Sicani e a Casteltermini gli aggiornamenti viaggiano sulla app

Coronavirus, 500 tamponi nella zona dei Sicani e a Casteltermini gli aggiornamenti viaggiano sulla app

Il punto epidemiologico sui monti Sicani e le iniziative per informare le comunità

È ancora stabile la situazione epidemiologica dei comuni dei monti Sicani. Sono stati circa 500 i tamponi effettuati nel totale dei paesi interessati al contagio da Coronavirus. Ieri mattina ancora test a Mussomeli, Campofranco e Casteltermini, con attivo il servizio di prelievo domiciliare. Nel comune nisseno tamponi per una cinquantina di persone, che avevano avuto contatti con i sei operatori dell’ospedale Longo, risultati positivi la scorsa settimana, quando è scattata l’allerta Covid 19 in quello che sembrava uno dei pochi territori green. Tamponati anche contatti dei sanitari di Campofranco e Casteltermini, dove, inoltre, sono stati effettuati prelievi precauzionali in una casa di riposo. Ad oggi, come comunicano le fonti ufficiali dei comuni interessati, nessun nuovo positivo, sebbene si attendano un buon 30% di esiti. Il numero dei contagi rimane stabile: si tratta di sei operatori sanitari di Mussomeli, di tre anziani,  pazienti della Lungodegenza dell’Immacolata Longo, tutti trasferiti al centro Covid di Caltanissetta (nello specifico uno di Casteltermini, uno di Campofranco e uno di Mussomeli) e di due asintomatici di Casteltermini, che si trovano in isolamento domiciliare. Nessuno dei positivi versa in condizioni preoccupanti.

Il sindaco di Mussomeli, Giuseppe Catania, nella sua ormai quotidiana diretta Fb, ha rassicurato la comunità circa la stabilità dei contagi ma anche in merito all’eventualità che, a verifica completa dei tamponi, non è improbabile un aumento del numero dei positivi. Ha anche reso noto che domani sarà nuovamente sanificato l’ospedale Longo, che però resterà aperto nelle aree del primo accesso. Ed è di oggi la notizia, trapelata da fonti interne, che l’azienda starebbe provvedendo alla dimissione della decina di pazienti, prevalentemente anziani, ancora ricoverati nel nosocomio. Si tratta di pazienti negativi a due tamponi e che, qualora necessitassero di ulteriori cure, sarebbero trasferiti verosimilmente al Sant’Elia di Caltanissetta. Rimane ancora da chiarire la posizione del nosocomio di Mussomeli in merito alla catena dei contagi, che, stando a semplici ricostruzioni epidemiologiche, sarebbe partita proprio dal Longo. Rimane aperto il quesito relativi ai pazienti assistiti dai familiari malgradi dei decreti nazionali e regionali lo vietassero, per ovvie ragioni di prevenzione.

Può interessarti:  Come stare bene con se stessi e imparare a stare bene anche con gli altri

A Casteltermini ci si può aggiornare sull’epidemia con una app

A Casteltermini, in replica alla richiesta di distribuzione di mascherine e di aggiornamento della comunità sulla condizione epidemiologica, prende parola Pippo Sardo, comandante della Polizia Municipale. “Stiamo lavorando in tandem con il commissario ad acta, dottoressa Mogavero, per fronteggiare questo momento delicato, vuoi in termini di controllo del territorio, azioni che ci stanno permettendo di verificare la collaborazione della comunità, vuoi per quel che riguarda il sostegno in merito all’emergenza. Sono arrivate le mascherine chirurgiche, che provvederemo a distribuire nei prossimi giorni porta a porta. Abbiamo inoltre inserito il nostro comune nell’app Municipium, che tutti possono scaricare gratuitamente e dalla quale si possono ricavare tutte le info relative al nostro comune, compresi gli aggiornamenti epidemiologici.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 47 − = 38