Home » Come servire una colazione bella ed elegante

Come servire una colazione bella ed elegante

La locandiera Valentina Fasciana, esperta di stile, ci svela dei facilissimi segreti per servire una colazione da sogno

Il segreto per fare un cosa fatta bene è sempre lo stesso: la passione e, si sa, io amo il mio lavoro.

Apparecchio la colazione la sera prima. Non seguo delle regole e non ho segreti speciali manonostante ciò, è ovvio che i minimi fondamentali del galateo della tavola bisogna rispettarli. La disposizione delle posate e dei bicchieri è importantissima.

La tovaglia e le stagioni

A seconda delle stagioni cambio il colore delle tovaglie. A parte il bianco che va bene sempre, e in tutte le stagioni, in autunno preferisco i colori della terra bruciata oppure le fantasie con inserti floreali.

Non importa che le porcellane siano preziose. Amo ridare una seconda vita agli oggetti, e spesso adopero quelli ereditati dalle nonne o trovati nei mercatini: quello che conta è disporre ed abbinare i vari stili fino a creare una magica armonia.

La simmetria e gli allineamenti, anche complessi, sono importanti: piatti, bicchieri, posate e gli oggetti essenziali devono seguire una geometria, senza deroghe.

L’importanza del centrotavola

Il momento più creativo è la messa in scena del centro tavola.

Sì, avete letto bene: una messa in scena, una rappresentazione, un’esibizione vera e propria della nostra creatività. È ammesso quasi tutto, purché il risultato finale sia sempre armonioso.

Di solito uso elementi decorativi di varie altezze, per dare profondità alla composizione. L’elemento floreale è importante: che siano veri, o finti ma di buona fattura, devono esserci sempre. Anche il cibo offerto potrà servire a decorare la tavola. In questa stagione, per le colazioni del b&b, metto a tavola sempre un cesto con nocciole e noci ed un altro con frutta di stagione.

Può interessarti:  La Cicogna Frettolosa, che dà una carezza a bimbi e genitori “prematuri”

Certamente non può mancare la zucca, Regina d’autunno, di tutte le forme e colori: un must imprescindibile.

Riassumendo: 1-tovaglia che richiami i colori della stagione; 2-nota floreale; 3-simmetria delle porcellane e posateria.

La colazione “dei morti”

Siamo in novembre, e questo è il week end della festività dei morti. Nella colazione di questi giorni non mancheranno tutti i dolci della tradizione siciliana: la frutta Martorana, preparata con la pasta reale o pasta di mandorle. Fu inventata dalle suore del monastero della Martorana a Palermo, una volta che, aspettando la visita del Vescovo, decisero di modellare la pasta reale in forma di frutti, da appendere agli alberi del piccolo chiostro.

I biscotti ”totó”, a forma tonda o ovale di pastafrolla ricoperti con glassa bianca al limone o al cioccolato; infine la cotognata che preparo personalmente.

Buona colazione a tutti! Se vi va mostrateci le foto delle vostre colazioni, nella speranza che i nostri consigli vi siano stati utili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha + 34 = 36