Home » Bagno dopo mangiato? Gelati per i piccini, sì o no? Lo abbiamo chiesto a un noto gastroenterologo

Bagno dopo mangiato? Gelati per i piccini, sì o no? Lo abbiamo chiesto a un noto gastroenterologo

Intervista al professore Giuseppe Iacono, noto gastroenterologo pediatra, che risponde alle nostre domande su cibo e bimbi in estate

L’estate è arrivata e una delle domande più frequenti dei genitori riguarda l’alimentazione dei più piccoli. Avranno bisogno di alimenti più ricchi di acqua? Cosa evitare? Come organizzarsi per i pranzi in spiaggia ed ancora il gelatino è ammesso anche per i più piccini? Per chiarirci i dubbi, abbiamo fatto una chiacchierata con il professore Giuseppe Iacono, stimato pediatra/gastroenterologo e già primario all’Ospedale Di Cristina/Dei Bambini di Palermo.

Quale la dieta ideale per i nostri bimbi in estate?

«Con la bella stagione ci si potrà sbizzarrire con l’uso di frutta e verdure di stagione. Occorrerà garantire ai bimbi un apporto di liquidi costante e mantenere allegro l’intestino con l’uso di fibre e di verdure.

La quantità di cibo con il caldo andrà leggermente ridotta, dando il via libera alla dieta mediterranea. Ok ai minestroni “freschi”, con verdure a foglia e con qualche aggiunta di legumi.

Semaforo verde per la stragrande maggioranza di frutta estiva. Darei un alt all’anguria (che può provocare problemi intestinali) e al melone (che potrebbe risultare infiammante)».

 

Parliamo di lattanti, come idratarli bene?

Anzitutto è ausplicabile l’allattamento al seno ed in estate, a maggior ragione, la mamma avrà cura di bere tanta acqua, almeno due litri e più al giorno. In allattamento l’acqua è fondamentale, perché favorisce la produzione lattea e reintegra i liquidi. Attaccare il piccolo a richiesta, considerato che, con il caldo, le necessità del neonato potrebbero variare, con un conseguente aumento della poppata. Non sarà necessario somministrare acqua al lattante.

 i gelati Sono ammessi nella dieta dei piccoli?

«Perché no. Occhio però. Non mi riferisco ai gelati industriali, quanto a delle “leccornie” da preparare a casa, con yogurt, latte, frullati di frutta e zero zucchero. Si tratta di ricette golose, che possono tornare utilissime con i bimbi inappetenti».

Può interessarti:  Ricicliamo le uova di Pasqua con le idee di Tatiana, nota pasticciera siciliana

Quanto tempo deve passare tra il pranzo ed il bagno al mare?

«Premesso che anche in questo caso vale la regola di un pasto fresco e leggero. Detto ciò specifichiamo che lo svuotamento gastrico avviene in un’ora, un’ora e mezza. È importante che l’acqua non sia troppo fredda, poiché si potrebbe andare incontro a una congestione che può avere anche conseguenze importanti.

Discorso a parte se si sceglie di mangiare in acqua. In quel caso, l’organismo non sarà sottoposto ad alcuno sbalzo termico e quindi non sarà necessario far passare i tempi canonici».

Via libera a frutta e verdura, che ne pensa del bio?

«Le dico soltanto che io per primo coltivo un orticello e non lo faccio sicuramente per moda. Il km 0 è una garanzia e ricordiamoci che mangiare sano, sin da bambini, è un corredo che aiuterà per tutta la vita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 4 + 2 =