Home » Affitto stanze in hotel di lusso per smartworking, l’idea dell’albergatrice palermitana

Affitto stanze in hotel di lusso per smartworking, l’idea dell’albergatrice palermitana

La titolare Solito: non vogliamo arrenderci e stiamo cercando nuove soluzioni

Turismo bloccato per via del Covid e alberghi vuoti? Ai titolari di un hotel del centro di Palermo è venuta un’idea anti-crisi. Affittare le loro stanze a quattro stelle ai lavoratori in smartworking.

”L’idea é  venuta per la disperazione, racconta Giusy Solito, titolare dell’Artemisia Palace di via Roma. Il 2020 é stato un anno nero, con perdite anche superiori all’80% rispetto all’anno precedente. Di fronte a noi si profilavano due scelte: chiudere i battenti, mandando tutti gli impiegati a casa e infrangendo il sogno di una vita, oppure provare a reinventarsi. Abbiamo scelto la seconda opzione.”

Come trasformerete il vostro modo di fare ricettività?

Siamo un hotel a 4 stelle, nel cuore di Palermo. Abbiamo sempre lavorato bene con ricettività di livello alto con turisti, rappresentati, professionisti. Cambiare il trend non è facile, ma é necessario. Oggi proponiamo le nostre stanze a 25 euro (un prezzo a dir poco stracciato, considerata la fascia del nostro hotel). Il prezzo scende ma la qualità resta alta, questo lo slogan. Ci sarà possibilità di utilizzo diurno  delle stanze per lavoratori in smartworking, che potranno usufruire di connessione wireless, della possibilità di un break merenda o caffè. Lo smartworking a volte nelle proprie abitazioni è reso meno agevole dalla presenza di bambini o ancora per la presenza di vicini rumorosi. Noi offriamo silenzio, comfort e ovviamente la garanzia di continue sanificazioni degli ambienti.”

Per quante ore al giorno potranno essere utilizzate le vostre stanze?

Anche per un giorno intero, un esempio dalle 8 alle 20, resta sempre escluso il pernotto.

Pensate di poter risollevare almeno in parte i vostri bilanci?

Ce lo auguriamo, pur consapevoli che non sarà facile. Ci sentiamo abbandonati da chi dovrebbe garantirci, ma non possiamo arrenderci e vogliamo confidare in tempi assolutamente migliori.

Può interessarti:  Com’erano le mamme e i bimbi quando non c’era il web?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WC Captcha 35 − = 26